Attività


PLAYTIME
Ogni giorno verrà svolta un'attività strutturata in lingua inglese. Si utilizzeranno canzoni, libri, immagini per stimolare costantemente l'apprendimento della lingua per ogni fascia d'età. Il metodo usato si basa sulla creazione di un contesto in cui si parla e si agisce solamente nella nuova lingua. Ogni attività svolta con i bambini è carica di affetto e trasporto emotivo. Rispettando ritmi, tempi e capacità di ognuno di essi, ripercorrendo le tappe dell'acquisizione della lingua madre. I risultati sono sorprendenti da un punto di vista pratico, i bambini ripetono frasi, gesti imparati e li ripropongono anche in altre situazioni.

CESTINO DEI TESORI
Un cestino di vimini o di altro materiale naturale contenente oggetti fatti di materiali naturali (stoffa, legno, gomma, metallo ecc...). I bambini davanti al cesto avranno piena libertà di esplorare gli oggetti. Tali materiali verranno afferrati, toccati, passati da una mano all’altra e portati alla bocca. Per il gruppo piccoli questa attività è fondamentale per canalizzare ogni senso percettivo come anche l’uso di pad sensoriali specifici per questa fascia d’età.

IL GIOCO EURISTICO
Il gioco euristico o gioco di scoperta è un’attività di esplorazione e di ricerca, in cui i bambini possono sperimentare o scoprire il “senso” e il significato degli oggetti e dei materiali (naturali e non) messi a loro disposizione dagli adulti, in modo libero ed autonomo dai traguardi di riferimento. Durante il gioco, l’educatrice osserva i percorsi esplorativi messi in atto dai bambini e svolge un ruolo di sostegno della motivazione del gioco stesso, creando gli stimoli alla continua composizione/scomposizione/ri-composizione delle conoscenze che, attraverso le varie attività materiali, vengono veicolate. Materiali e strumenti: grandi quantità di: tappi di sughero, mollette da bucato, nastri, catene di varia forma, lunghezza e pesantezza, corde di ogni tipo, bigodini, spugna, anelli delle tende in diverse misure, colori e materiali,…, barattoli (li latta, di plastica, di legno, grandi, piccoli, alti, bassi, larghi, stretti) in grande quantità capaci di far vivere il gioco del “riempire/svuotare”.

ATTIVITà MANIPOLATIVE
Permettono al bambino di sviluppare la coordinazione oculo-manuale e di acquisire un maggior controllo di quella che è la motricità fine, ovvero tutti quelle azioni che richiedono dei movimenti delle mani molto precisi. A tale scopo vengono proposti vari materiali: pasta di pane, didò, pasta da poter infilare nei cordini, travasi ecc...

ATTIVITà GRAFICO-PITTORICHE
Attraverso fogli di varia dimensione, cartoncini, spugne, timbri, matite, colori a dita, pastelli a cera, pennarelli… Il bambino può esprimere con facilità e immediatezza le emozioni, gli stati d’animo, i sentimenti e i livelli percettivi della realtà. Questa attività ha lo scopo di insegnare a percepire, distinguere e conoscere i colori, le forme e le linee che come elementi compositivi, assumono una funzione importantissima nelle espressioni artistiche.

ATTIVITà SIMBOLICHE
Sono tutte quelle attività del “far finta di...” Riportano nel gioco tutte le loro esperienze di vita quotidiana. Possono essere “la casetta a misura di bambino” con materiali e oggetti che il bambino riconosce in quanto fanno parte della quotidianità. Con il gioco dei “travestimenti” si stimola il bambino al linguaggio, all’autonomia nell’indossare i vestiti e ad imitare il mondo degli adulti.

ATTIVITà MOTORIE
I giochi motori sono utili a favorire l’autonomia, il controllo dello spazio e l’equilibrio del bambino proponendogli materiali che gli permettano di salire, scendere, rotolare, strisciare ecc... L’obiettivo primario è quello di sviluppare la motricità globale e permettere al bambino di acquisire consapevolezza del proprio corpo e dello spazio che occupa.

ATTIVITà MUSICALI
aiutano il bambino a imparare a distinguere i diversi suoni e rumori. Quando il bambino è piccolo si parte con piccoli oggetti che possono produrre dei suoni: cucchiai, bottigliette sonore...fino ad introdurre canzoni, strumenti musicali, giochi di movimento e di drammatizzazione. Queste attività, oltre a sviluppare la capacità di ascolto del bambino, stimolano il linguaggio.

LO SPAZIO ESTERNO: IL GIARDINO
Lo spazio esterno dove i bambini giocano prevalentemente in modo libero, rappresenta una fonte di stimoli molto ricca; tante scoperte e apprendimenti si possono realizzare spontaneamente e con una accorta regia da parte delle educatrici. Il giardino offre:scivoli, dondolini, la piscina delle palline e la piscina gonfiabile per il gioco con l'acqua (nei mesi caldi), panchine, alberi che ombreggiano; “l’orto dei profumi”: una selezione di piante aromatiche che regalano profumi e colori, con cui i bambini possono solleticare i propri sensi; una piantina di cui prendersi cura, per favorire il rafforzamento del senso di responsabilità.



ATTIVITà EXTRA
In corso d’anno verranno attivati servizi come associazioni specializzate nel rapporto con la fascia 3-36 mesi.
- La psicomotricità parte fondamentale per la crescita e lo sviluppo del bambino
- Pet therapy per intraprendere un primo confronto di conoscenza e relazione con animali
- Massaggio infantile
- Incontri specifici con psicologhe e pedagogiste
- Osteopatia infantile